EDITORIA - EVENTI - SERVIZI DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

Nel 2015 la community di Airbnb ha contribuito all'economia italiana per circa 3,4 miliardi (lo 0,22% del Pil), supportando l'equivalente di 98.400 posti di lavoro. Lo afferma lo stesso portale, che  ha presentato a Roma un rapporto che quantifica il valore generato dalla propria piattaforma per l'economia italiana.

Lo studio, intitolato "Fattore Sharing: l'impatto economico di Airbnb in Italia" e curato da Sociometrica, è il primo a prendere in considerazione il Belpaese, dopo che analisi simili erano già state realizzate per altre località come la Francia, New York, Londra, Giappone e Madrid.

Secondo lo studio, gli 82.900 host che hanno deciso di condividere la propria casa con chi viaggia, per una media di 24 notti all'anno, hanno ottenuto un ricavo medio annuale di 2.300 euro, ospitando circa 3,6 milioni di persone.

Dalla ricerca emerge la natura prevalentemente non professionale degli host Airbnb, persone comuni che condividono la prima o la seconda casa (l'87% ha 1 o massimo 2 annunci) e che utilizzano il ricavato per far quadrare il bilancio familiare. Il reddito di gran parte degli host è infatti inferiore al reddito medio pro capite in Italia (22.200 euro).

Ma secondo lo studio, Airbnb apporta anche un beneficio all'intero sistema turistico nazionale: l'esperienza autentica presso gli host italiani, che l'anno scorso hanno aperto le porte delle proprie case, ha attirato nuovi visitatori, che si sono fermati più a lungo (3,6 notti di media cotnro le 3 delle soluzioni tradizionali), hanno speso di più, sono più propensi a tornare (76%) e hanno contribuito a generare un indotto presso comunità e attività locali al di fuori dei circuiti turistici tradizionali (38% del budget del viaggio) e che tendenzialmente ne restavano ai margini.

"Airbnb rappresenta un'opportunità per il Sistema Paese – ha affermato Matteo Stifanelli, country manager di Airbnb per l'Italia -. Airbnb aiuta il turismo a crescere e a diversificarsi nel Paese, diffondendo benessere economico a nuove comunità e imprese locali e rappresenta un sostegno per migliaia di cittadini, aiutandoli a far quadrare i conti a fine mese".