Riccardo Nencini: lavorare su infrastrutture aeroportuali indispensabile

Gli investimenti aeroportuali in Italia sono stati fermi dal 2008 al 2015. Mentre gli altri aeroporti nel mondo si adeguavano ai nuovi flussi, l'Italia rimaneva ferma, non rimodernando scali e reti, sia stradali che ferroviarie, per raggiungere gli scali. Unica eccezione Fiumicino che da un paio di anni ha reso lo scalo più accessibile e sta lavorando per un nuovo terminal intercontinentale che potrà finalmente essere paragonato ai migliori scali europei”. Questo il commento del vice ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Riccardo Nencini durante la presentazione del Rapporto Enac 2015. “Non saranno solo i cinesi a moltiplicarsi nei loro viaggi in Europa, ma tutto il mondo si muoverà. Nel 2035 la popolazione mondiale sarà di 7 mld e le previsioni ci dicono che la popolazione che si sposterà in aereo sarà molto vicina ai 7 mld. Necessario, non solo adeguare gli scali, ma, aprire sempre nuove rotte”. A.To.

Tags: ,

Potrebbe interessarti