Iata: con la Brexit flessione pax Uk del 3-5% entro il 2020

La Brexit porterà una considerevole incertezza nell’industria del trasporto aereo: a dirlo Iata, che stima una flessione nel numero dei passeggeri del Regno Unito del 3-5% entro il 2020, dato guidato dal prevedibile calo nell'attività economica e dalla caduta del tasso di cambio della sterlina. Potrebbero volerci due o più anni prima che questi problemi siano completamente risolti. “Una prolungata insicurezza che influenzerà sia l'importanza che la persistenza degli impatti economici”, ha avvertito l’associazione. Secondo dati Iata sono stati 117 milioni i passeggeri che hanno viaggiato sulle tratte tra Regno Unito e Ue. E’ necessario continuare ad assicurare l’interesse comune di una connettività aerea sicura, efficiente e sostenibile, ha affermato il d.g. e ceo Tony Tyler.