Igv, primo semestre in rosso

Nel corso del primo semestre (1 novembre 2015 – 30 aprile 2016) I Grandi Viaggi ha registrato un volume complessivo delle vendite di 38,8 milioni di euro, contro i 41,8 milioni di un anno prima. “All’interno di tale decremento complessivo – riporta la nota della società -, si evidenzia invece un leggero miglioramento delle vendite sulle destinazioni italiane di proprietà rispetto al precedente esercizio". Segno meno anche per i ricavi, scesi da 20,3 a 15,9 miioni. “Il calo di fatturato – prosegue la nota – è riconducibile principalmente alla situazione di tensioni politico-sociali che in maniera più estesa continua a persistere nelle aree del Medio Oriente e in alcune destinazioni africane dove la società possiede strutture turistiche (in particolare Kenya), in relazione ai ben noti atti terroristici e più in generale in Europa e America”. Per quanto concerne le destinazioni Kenya e Zanzibar, l’incidenza del fatturato rispetto al fatturato globale “è particolarmente significativa nella stagione invernale durante la quale i villaggi italiani di proprietà con destinazioni marittime sono chiusi. Per quanto concerne invece le altre destinazioni commercializzate, il calo del fatturato riguarda particolarmente gli Emirati Arabi e il Messico, nonché Maldive e Mauritius. Queste ultime due destinazioni sono state infatti oggetto di una rinegoziazione delle strutture precedentemente commercializzate, non più economicamente interessanti per il Gruppo in quanto a bassa redditivita”`.
L’Ebitda è risultato negativo per 3,5 milioni (in miglioramento rispetto al precedente periodo di 664 mila euro) e il risultato netto del periodo, -6,3 milioni, è migliorato rispetto al primo semestre 2015 (-7,1 milioni). Al 30 aprile 2016, la liquidità del gruppo ammontava a 24,7 milioni e la posizione finanziaria netta risultava positiva per 5,8 milioni, in miglioramento di 26,5 milioni rispetto al 30 aprile 2015 a seguito dell’aumento di capitale.

Tags:

Potrebbe interessarti