Cresce la spesa per le vacanze estive

Nel 2015 il contributo diretto del turismo al Pil è stato di 68,8 miliardi di euro, ovvero il 4,2%, cifra che sale a 167,5 miliardi di euro, quindi il 10,2% del Pil, calcolando anche l’indotto. E per il 2016 il Wttc prevede un’ulteriore crescita: +2,1% per l’impatto diretto e +1,9% per quello comprensivo di indotto.
Federalberghi, confrontando le dinamiche giugno-settembre del 2015 con lo stesso periodo del 2010, ha rilevato un aumento del 12% per gli arrivi dei turisti negli esercizi ricettivi italiani, passando da 48,7 milioni a 54,8 milioni. In particolare quelli italiani sono aumentati del 3% (da 26,2 milioni a 26,9 milioni), mentre gli stranieri hanno registrato un +24% (da 22,5 milioni a 27,9 milioni).
Per la stagione estiva 2016 diversi studi lasciano presagire una nuova crescita. Secondo Coldiretti/Ixè solo a luglio si registreranno 15 milioni di italiani in partenza, quattro milioni in più rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Codacons non stima un incremento del numero dei turisti rispetto allo scorso anno (32 milioni gli italiani in partenza nel corso dell’intera estate), ma prevede tuttavia un aumento della spesa del 2,5%, a 16,4 miliardi di euro.

Tags: , , ,

Potrebbe interessarti