Ducrot, Elefante: “Soffrono le mete per cui serve il visto”

“L’estate è in crescita rispetto all’anno scorso; a trainare il mercato è sicuramente il Giappone, mentre registriamo una leggera decrescita per l’India rispetto all’anno scorso, anche se conserva comunque la sua importanza; la causa è probabilmente l’eccessiva burocratizzazione e i tempi per ottenere il visto, cosa che contrasta con il comportamento d’acquisto degli italiani: si tende sempre di più a prenotare sotto data”. Enrico Ducrot, amministratore delegato dei Viaggi dell’Elefante, racconta così a Guida Viaggi l’estate del tour operaror. “Anche la Cina – prosegue – è in difficoltà, in parte per lo stesso motivo, in parte perché adombrata dalla moda del Giappone. Ottimi risultati per la Grecia e le Maldive, ormai “sdoganate” nella stagione estiva; Sudafrica e Namibia seguono, con l’Indonesia, la Birmania e la Thailandia”.

L’instabilità geopolitica già da tempo ha portato l’operatore ad arricchire la propria offerta con mete “insolite” per l’Elefante, in primis il Nord Europa. Destinazioni come l’Islanda, la Scandinavia, ma anche la Russia, “ci stanno dando grosse soddisfazioni sia in termini di vendite che di feedback da parte dei clienti. Molte le partenze prenotate per agosto. Stiamo selezionando anche alcune strutture di livello in Italia”.

Il mercato, come detto, è un po’ lento su alcune destinazioni storiche come India e Cina: i Paesi per cui è necessario il visto “soffrono e soffriranno sempre di più; stiamo lavorando con gli enti del Turismo affinché si mandi un segnale chiaro ai rispettivi ministeri per rendere le procedure semplici e veloci. Per quanto riguarda il mercato, alberghi e operatori si stanno in parte abituando al comportamento d’acquisto degli italiani e stanno adeguando alcune loro politiche; c’è da aggiungere che anche altri mercati europei, tra cui quello tedesco, primo al mondo per l’outgoing, iniziano a registrare questo trend”.

Per l’autunno di novità ce ne saranno, e non saranno poche.  “Alcune destinazioni con carenze di strutture di livello, vedi Cuba o l’Islanda, stanno optando per delle crociere in yacht con cabine di lusso e servizi a 5 stelle; abbiamo già da tempo preso accordi con gli armatori e siamo pronti per affrontare il mercato”. il t.o. sta inoltre arricchendo la programmazione Thailandia, Indonesia e Australia, destinazioni che “con l’entrata di nuova energia in azienda stiamo sviluppando con dei pacchetti molto particolari. Abbiamo lanciato dei viaggi di gruppo “Limited Edition” in Cambogia e Laos, in Birmania, nello Yunnan, in regioni insolite dell’India”. e.c.
 

Tags:

Potrebbe interessarti