EDITORIA - EVENTI - SERVIZI DAL 1972 AL SERVIZIO DEL TURISMO PROFESSIONALE

Il wifi gratuito e un bollitore per il tè: la camera d’hotel ideale per i cinesi deve avere questi due servizi, fondamentali per i viaggiatori che in tutte le ricerche primeggiano. Il turismo cinese sta attraversando un vero e proprio boom: 120 milioni di persone hanno varcato i confini del loro paese nel 2015 e si stima che saranno 130 quest'anno, con una spesa di 215 miliardi di dollari (fonte Cta, China Tourism Academy). Nel 2015 in Italia la spesa media si è attestata sui 3.555 euro (con viaggio escluso) e circa un terzo di questo budget, 944 euro, è stato destinato allo shopping (Global Blue).

Una indagine di Hotels.com, condotta da Ipsos, a maggio 2016 ha intervistato 3mila cittadini, di età compresa tra 18 e 54 anni, che hanno viaggiato all’estero nei 12 mesi precedenti. E’ emerso che per il 72% di loro la priorità è rimanere collegati a internet durante le trasferte, dunque la rete wifi in albergo è fondamentale (per il 72%), così come potersi preparare una bevanda calda in camera (42%). Seguono la disponibilità di materiale turistico tradotto in lingua (17%) e chiudono la classifica la trasmissione di programmi TV cinesi (16%) e le ciabatte da camera, richieste dal 12% degli ospiti. Anche le camere per fumatori sono gradite, a circa il 20% del campione.

“Per due terzi della popolazione della Repubblica Popolare viaggiare è una parte essenziale della vita e si è disposti a pagare quasi un terzo del proprio reddito per farlo – commenta Taylor L. Cole, travel expert Nord America di Hotels.com -. Tutti i brand considerano questo mercato il principale in termini di spesa, con un potenziale enorme se si pensa che solo il 5% del miliardo e 400 milioni di abitanti attualmente possiede un passaporto”. Nel secondo trimestre 2016 l’Istat cinese ha riportato al 6,7% la crescita del Pil nel Paese. Per il 2017 si attende una inversione, con il 6,3% di crescita del prodotto interno, la quota più bassa degli ultimi 25 anni.

Nell’ordine delle destinazioni preferite per i viaggi ci sono Australia e Stati Uniti per il 37-22%, mentre l'Italia con Giappone, Hong Kong, Corea del Sud, Regno Unito, Germania e Canada completa la classifica delle prime 10. L’Europa ha varato un piano per attrarre questo importante mercato, mentre l’Enit sta collaborando con Alibaba, l’Amazon locale. P.Ba.