King Holidays: focus su trade e prodotto

Venticinque anni di attività, la voglia di crescere e di ampliare le offerte. Barbara Cipolloni, product manager di King Holidays nel presentare i nuovi cataloghi, rispettivamente Oceano Indiano, Oriente, Sud America e Viaggi di Nozze ha rimarcato l'importanza del coinvolgimento delle agenzie e l'offerta di prodotti che abbiano dei plus accattivanti rispetto ad altri tour operator. “Con questi cataloghi – ha sottolineato la manager – vogliamo innanzi tutto ampliare l'offerta delle destinazioni e poter spaziare dal medio raggio al lungo, durante tutto l'arco dell'anno”.

La stagione estiva ha chiuso con un +3-4% rispetto al 2015, con un medio raggio che rimane il punto di forza del tour operator. “In autunno e in inverno, viceversa, puntiamo sul lungo raggio con tutte le proposte indicate nei nostri cataloghi. Vorrei precisare  – ha detto Barbara Cipollini – che anche delle mete percepite come inaccessibili economicamente, come per esempio le Seychelles, possono essere godute a prezzi convenienti con i soggiorni nelle guest houses”.
King Holidays chiude quindi una buona stagione con incrementi diversi per i vari continenti, rispettivamente +15% Sud America, +30% Oriente, +10% Medio Oriente. “Sul Medio Oriente – ha precisato la manager – a fronte di destinazioni in sofferenza, si sono affermate altre mete come Israele, Oman, Georgia, Iran, Emirati e anche la Giordania, paese bellissimo che pur essendo tranquillissimo, ha patito di riflesso degli umori negativi causati dalla situazione in Medio Oriente. Molta soddisfazione dal Portogallo e dalle Azzorre, destinazione che vanta il 10% di repeaters”.

Tra le nuove proposte di King Holidays il Madagascar e il Giappone con diversi tour con guida in italiano. Nel catalogo viaggi di nozze molte le combinazioni tra cui il classico Sri Lanka-Maldive; Vietnam, Cambogia e Laos;  Sud America con focus specifico su Patagonia e Isola di Pasqua; Polinesia, Usa, Messico e Sud Africa. In catalogo sposi anche la Grecia, per quelle coppie che hanno pochi giorni, ma non vogliono rinunciare al viaggio”.

Sul focus formazione ribadita la politica del tour operator che investe sugli agenti con workshop, eventi ed educational. “Prevediamo una quota di partecipazione e consentiamo anche di portare un accompagnatore. E' una buona formula in quanto l'adv che decide di partecipare è sicuramente motivato e può anche scalare la sua quota a seconda delle pratiche chiuse”.a.to.

Tags:

Potrebbe interessarti