Amalfi e “l’essenza” del turismo

Amalfi è una delle pochissime destinazioni italiane che da anni lavora sul tema dell'accoglienza turistica. Non sul marketing turistico o sulla promozione turistica come credo stiano facendo gran parte delle altre realtà turistiche in Italia”. Così si esprime Giancarlo Dall’Ara, consulente di marketing, parlando della promozione della località campana. “L' attenzione degli operatori amalfitani – sottolinea – non è rivolta alle fiere turistiche presidiate solitamente da Enit e dalle regioni italiane da oltre 30 anni, né al dibattito sulle nuove App da offrire ai turisti, tantomeno al piano strategico nazionale seconda edizione, ma, ripeto, all'essenza del turismo: l'accoglienza”.

Un elemento, quello dell’accoglienza che è anche la funzione di marketing più importante, più efficace e meno costosa. “Ho iniziato molti anni fa ad accompagnare gli operatori della costa amalfitana, riuniti in consorzi – ricorda il manager – e mi pare che i risultati, sia in termini di arrivi che di presenze, di indotto, di destagionalizzazione e di personalizzazione dell'offerta dicano chiaramente se il lavoro sin qui fatto abbia dato, oppure no, buoni risultati”.

Tornato di recente per indicare nuovi obiettivi ai progetti di accoglienza e una nuova visione strategica, Dall’Ara  ha sottolineato il fatto che nel turismo il cambiamento è rapido e occorre un ripensamento generale dei fondamentali, anche nelle destinazioni di successo. “Ho spiegato che il tema dell'accoglienza è l'aspetto chiave anche per il web. Ho incontrato un centinaio di operatori, rappresentanti di tutta la costiera e anche del Cilento. Auguro loro di mantenere l'ottimismo indispensabile nel nostro settore e auguro loro anche che le istituzioni abbiano la stessa sensibilità”, dichiara Dall’Ara.

 

Tags:

Potrebbe interessarti

Nessun articolo collegato