Federalberghi: “Un argine al dilagare delle strutture abusive”

Oggi #legalitamipiace, giornata ideata da Confcommercio per promuovere la cultura della legalità, si offre al Parlamento l'occasione per porre un argine al dilagare delle strutture ricettive abusive.

“Non comprendiamo le esitazioni che si stanno manifestando in relazione alla proposta di far finalmente pagare le tasse a chi affitta il proprio appartamento ai turisti per brevi periodi dichiara il direttore generale di Federalberghi, Alessandro Nucara – in attesa del voto sull’emendamento che mira a stanare le centinaia di migliaia di alloggi che operano in completo spregio alla legislazione fiscale. Si è aperto un dibattito surreale in cui si contesta l’istituzione di nuove tasse, mentre in realtà gli emendamenti in discussione prevedono l’applicazione di un’aliquota fiscale agevolata, inferiore a quella che paga un operaio che percepisce uno stipendio di mille euro al mese. L’istituzione di un registro presso l’Agenzia delle Entrate e la comunicazione delle transazioni avvenute attraverso i portali – aggiunge Nucara – consentirebbero, con un semplice click, di distinguere tra la posizione del cittadino indigente, che affitta una stanza in casa propria per arrotondare il reddito, e quella di chi gestisce patrimoni milionari e affitta decine di appartamenti a più di mille euro per notte, nascondendosi dietro nomi di comodo”.

Ad esempio, se si esaminano gli annunci pubblicati su un noto portale, si scopre che il 57,7% degli annunci è pubblicato da host che gestiscono più di un alloggio, riporta la nota. Per non parlare di coloro che chiedono di ricevere i pagamenti mediante carte ricaricabili o addirittura estero su estero, mediante bonifico internazionale.

 

Tags:

Potrebbe interessarti