Settemari: per il 2017 atteso un aumento di fatturato del 20%

New entry di programmazione e nuovi investimenti sui processi di informatizzazione aziendali sono le mosse di Settemari. Il sistema di prenotazione online Click & Book rappresenta oggi circa il 60% delle prenotazioni ed è continuamente aggiornato. A breve sarà rilasciata una nuova versione del Dynamic Package Travelike "con importanti novità", annuncia il presidente Mario Roci. Non ultimo, l'ufficio marketing già da qualche mese sta lavorando "alla realizzazione di un sito internet moderno ed efficace, che darà alla nostra azienda un’immagine al pubblico, funzionale, prestigiosa ed accattivante". 

Il debutto sul Mare Italia è una scelta che rafforza la strategia di diversificazione dell’offerta da parte di Settemari, che vedrà la novità di programmazione per la prossima estate. New entry che si aggiunge alla novità di Cuba, lanciata per l’inverno 2016-2017 e che sta dando le sue soddisfazioni. La diversificazione va di pari passo con la capacità (e necessità, ndr) di essere flessibili. E’ il mercato che lo richiede, così come gli eventi. E il 2016 si è presentato subito come “un anno non facile, in tal senso – commenta a Guida Viaggi Roci -. L’Egitto per Settemari è da anni un mercato di riferimento, ed è arrivato a pesare quasi il 40% sul fatturato aziendale – fa presente il manager -. Il calo di domanda ha destato qualche preoccupazione, fortunatamente l’azienda ha saputo subito reagire presentando due cataloghi (quello estivo 2016 e quello invernale) con un’offerta ampia e diversificata. I risultati alla fine ci hanno dato ragione, e questo, unito all’importante performance di Amo il Mondo, mi fanno essere, oggi, molto soddisfatto”. In quanto il t.o. è stato in grado “di colmare il calo dei volumi derivante dalla crisi egiziana grazie alle ottime performance degli altri prodotti”.

In particolare il 2016 ha registrato buone performance in Spagna (+20%), a Zanzibar (+11%) e in Messico. La Grecia ha confermato i volumi dell’anno precedente. “Per quanto riguarda la villaggistica – osserva Roci -, ritengo che verrà riconfermato il predominio dell’area mediterranea e dei Caraibi. Ci auspichiamo, inoltre, una ripresa del Mar Rosso”. Il tailor made di Amo il Mondo? La crescita è del 25%, “ci hanno dato ottime soddisfazioni Pacifico e Australia, Stati Uniti e America Latina”.

Intanto il rapporto con le adv si fa sempre più stringente e la partita si gioca su ascolto e collaborazione. Dai canali di comunicazione preferenziali che il t.o. ha aperto con il fronte agenziale sono scaturiti “consigli che sono stati trasformati in nuovi progetti aziendali come Golden Star”, il nuovo programma di fidelizzazione per le adv Selection. Questo perchè “non ci chiedono solo di essere meglio retribuite, ma anche collaborazioni per promuovere le proprie attività, o nuovi strumenti di comunicazione e argomentazioni in grado di contrastare il self book di internet”.

Il 2016 si chiude con 76 mln di fatturato e oltre 72mila passeggeri.  A fronte delle novità di prodotto Roci si attende, per il 2017, “un aumento di fatturato del 20%. Riteniamo che il nuovo prodotto Cuba possa darci ottime soddisfazioni, che la Grecia abbia ottime prospettive di crescita. Ci aspettiamo buone performance dal Mare Italia. Amo il Mondo sta crescendo ad un ottimo ritmo da qualche anno. Inoltre, Travelike dopo il lancio sta cominciando a raccogliere buoni frutti”. s.v.

Tags: , , ,

Potrebbe interessarti