Nasce l’osservatorio nazionale per l’analisi predittiva

GfK Italia lancia un nuovo Osservatorio nazionale dei turismi, andando ad analizzare i comportamenti di acquisto e di consumo di viaggiatori italiani (turismo domestico) e stranieri, da Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Francia, Spagna, Cina e Russia.

Le ricerche  intendono “monitorare prenotazioni/arrivi e principali caratteristiche dei viaggi in Italia e verso le destinazioni competitor”, anticipa a Guida Viaggi, l’Industry lead Daniela Mastropasqua. L’obiettivo è la valutazione predittiva degli arrivi con sei periodi di rilevazione all’anno, includendo l’analisi delle prenotazioni attraverso i siti web (Ota, metasearch) e non soltanto in agenzia di viaggi, come di consueto fa il “Pos tracking” di GfK attraverso i dati contabili (software gestionale e pratiche di viaggio).

Campione

Il panel è composto da 150mila casi, i cui acquisti sono tracciati da un tablet in dotazione delle persone in campione. In tutto, l’Ontt analizzerà più di 14mila interviste per fornire dati su quale tipo di vacanza viene acquistata (dove, con chi, quanti pax), sulla prenotazione (quando, quanti giorni, come ha prenotato), sulla destinazione, sulle modalità di acquisto, sulla struttura/alloggio con focus sulla tipologia, se è la prima volta che il cliente la prenota, quanto costano complessivamente i servizi che ha prenotato con rilevazione del prezzo intero della prenotazione. Molti dettagli utili a una business intelligence efficace.

Obiettivo

“Il nostro obiettivo è supportare imprese e istituzioni nel migliorare il posizionamento del brand Italia, diversificando la domanda, tenendo conto della necessità di rafforzare le strategie di promozione e commercializzazione digitali – commenta Mastropasqua -. Strutturiamo in tre fasi l’analisi: lo scenario, un monitoraggio quantitativo continuativo, infine approfondimenti supplementari sui diversi focus. Per quanto riguarda la domanda incoming, il goal finale è incrementare in modo sostenibile il turismo in Italia a supporto della crescita economica e sociale del Paese”. p.ba.

Tags: ,

Potrebbe interessarti