La Puglia piace ai tedeschi

La Regione Puglia è presente all'Itb di Berlino, che parte oggi e resta in programma fino al 12 marzo. Oltre diecimila espositori da oltre 180 Paesi e oltre 114mila visitatori,
Pugliapromozione è a Berlino con cinquanta operatori turistici pugliesi, 24 co-espositori, con desk personalizzato, e 26 aziende che saranno presenti in fiera. Una presenza giustificata dal fatto che la regione "guarda sempre con molto interesse al mercato tedesco che resta uno dei più importanti per il turismo pugliese – afferma l’assessore all’Industria Turistica e Culturale, Loredana Capone –. Con più di 129mila arrivi e 712mila pernottamenti la Germania ha continuato ad essere anche nel 2016 il primo mercato turistico di riferimento per la Puglia, seguita da Francia, Svizzera, Regno Unito e Belgio. Un mercato incoraggiante per la buona destagionalizzazione dei flussi: i picchi di arrivi e presenze in Puglia di turisti tedeschi premiano i mesi di spalla giugno e settembre”.

Nel 2016 la Germania si conferma al primo posto, si legge su fonti di stampa, con una media di 5,4 notti di soggiorno, pari ad un punto in più rispetto al valore regionale, e un +7,6% per gli arrivi, secondo i dati provvisori elaborati dall’Osservatorio sul Turismo della Regione Puglia.

Perchè i tedeschi scelgono la Puglia? Le motivazioni sono da rintracciarsi per l'offerta balneare, di cultura e natura ed enogastronomia. Le località maggiormente frequentate dai tedeschi sono soprattutto quelle del Gargano e del Salento. Ai vertici c'è Vieste con il 12% dell’incoming e il 20% dei pernottamenti, seguono Ugento (9% degli arrivi) e Bari (8%), che nell’ultimo biennio hanno accresciuto la loro notorietà sul mercato tedesco.

Nella top five delle destinazioni ci sono anche Lecce e Otranto (assieme ospitano il 9% degli arrivi regionali provenienti dalla Germania). Sul fronte ricettivo le tipologie prescelte sono gli hotel 4 stelle con il 42% sul totale, i campeggi 3 stelle (10,1%). Il settore luxury ospita il 4% circa dei flussi, dato al 2016.

Tags: ,

Potrebbe interessarti