Spesometro, la mossa di Fiavet

L’Agenzia delle Entrate ha concesso alle imprese di viaggi e turismo, per gli esercizi dal 2012 al 2015, la possibilità di escludere dalla comunicazione obbligatoria “Spesometro” tutte le operazioni attive in regime 74-ter di importo inferiore a 3.600,00 euro. Attualmente, fa presente una nota Fiavet, la stessa non è però prevista per le operazioni relative allo scorso anno, la cui scadenza di invio è fissata al prossimo 10 aprile (contribuenti Iva mensili) e 20 aprile (contribuenti Iva trimestrali).

Questione su cui l'ufficio fiscale di Fiavet Nazionale è intervenuto per far sì che l'estensione venga applicata anche al periodo di imposta 2016, attivandosi come accaduto nel 2012 per raggiungere un analogo e felice epilogo.

Il presidente, Jacopo De Ria, si ritiene cautamente ottimista, rammentando che Fiavet è da sempre schierata in prima linea per tutelare gli interessi dei propri associati e della categoria, in ogni istanza, annunciando che a breve verranno intraprese importanti iniziative sul tema del turismo.

Tags: ,

Potrebbe interessarti