Direttiva pacchetti-Fiavet: “No a recepimento in solitaria e dell’ultima ora”

Venerdì scorso nella sede di Confcommercio si è svolto un seminario tecnico dedicato alla ‘Direttiva UE 2015/2302 relativa ai pacchetti turistici’, che dovrà essere recepita nell'ordinamento dei singoli Stati Membri, Italia inclusa, entro il prossimo 31 dicembre.

Alll'evento hanno preso parte l'Ectaa, gruppo di associazioni nazionali di agenti di viaggio e tour operator dell’Unione Europea, alla quale aderisce direttamente Confturismo-Confcommercio, ma anche l’Hotrec, organizzazione delle associazioni degli hotel, ristoranti e pubblici esercizi in Europa, i cui soci in esclusiva per l'Italia sono Federalberghi e Fipe.

Alla vigilia  di questo evento, che è stato promosso da Confturismo, il presidente Fiavet, Jacopo De Ria, suona un campanello di allerta rivolto a tutti gli operatori del settore, invitando le istituzioni – in particolare il Mibact e il Dipartimento delle Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri – a calendarizzare prima possibile degli incontri con le associazioni di categoria per porre la massima attenzione in merito ai temi e ambiti di recepimento della direttiva, perché la norma italiana sia frutto di scelte ponderate e condivise.

“Un mancato e tempestivo coinvolgimento – prosegue De Ria – potrebbe rappresentare una vera e propria mancata occasione di efficace sinergia, con il pericolo di scelte non in grado di impattare positivamente sul mercato. In accordo con Confturismo e tutte le federazioni del turismo del nostro sistema maggiormente interessate all'argomento – annuncia il presidente Fiavet – si terrà un incontro per elaborare una strategia comune per scongiurare un recepimento della direttiva in solitaria e dell’ultima ora”.

Tags: , , , ,

Potrebbe interessarti