La Romania gioca nuove mete

Nuovo ministero del Turismo per la Romania. Le linee guida mirano allo “sviluppo del binomio wellness-balneare – spiega la direttrice dell’ente del Turismo, Ioana Ciutre -. Ci sono una serie di progetti orientati a far crescere le zone del Paese legate a questo tipo di offerta. Per esempio Bucarest, con le nuove terme, attira molti turisti durante tutto l’anno”. Intanto giungono buoni segnali dal mercato Italia. Il 2016 ha visto 425.093 arrivi italiani alla frontiera, con un +35% sul 2015. Crescono anche gli arrivi su Bucarest, “nel 2016 gli italiani sono stati 94.106, pari ad un +18,38%, mentre i pernottamenti sono stati 164.320, in crescita del 17,59%”. Guardando alla classifica degli arrivi nel Paese, l’Italia si attesta al 3° posto per la Romania, preceduta da Germania ed Israele.

In termini di promozione, oltre alle proposte classiche legate al Paese, ci sono nuove mete che si stanno presentando all’attenzione del mercato. Una di queste è “Oradea – spiega Ciutre -. E’ una città che si sta preparando al turismo internazionale con voli diretti da Torino, dal 31 marzo operati da Blue Air e da Bergamo dal 5 aprile con Ryanair, un’occasione per puntare sui city break e sulle coppie”. Nei dintorni si trova “il primo centro termale di lusso della Romania, Baile Felix, dotato di parco acquatico e alberghi 5 stelle lusso termali”. Tra le altre città su cui puntare l’attenzione ci sono anche Timisoara, Suceava, servita con voli diretti è “un’ottima base per visitare i monasteri della Bucovina, e Iasi, città giovane, polo universitario, sede del Vescovado”.         

Tags: ,

Potrebbe interessarti