Spesometro: accolte le richieste di Fiavet

Fiavet Nazionale ribadisce in una nota che è intervenuta presso l’Agenzia delle Entrate affinché venissero escluse dallo “Spesometro” tutte le operazioni attive di cui all’art. 74-ter DPR 633/1972 di valore inferiore ai 3.600,00 euro relative anche all’anno di imposta 2016, come già predisposto per gli anni precedenti. Con comunicazione del 24 marzo, l’Agenzia delle Entrate ha confermato tale previsione, accogliendo le richieste avanzate da Fiavet Nazionale e preannunciando l’emanazione di un apposito provvedimento con tutti i dettagli dell’esclusione. Questo quanto ufficializzato dall’Agenzia delle Entrate nel suo comunicato: “Anche  quest’anno […] i tour operator (art. 74-ter del Dpr n. 633/1972) non devono comunicare le operazioni attive di importo unitario inferiore a 3.600 euro, al lordo dell’Iva”.

“Siamo orgogliosi di veder riconosciuto l’impegno in prima linea di Fiavet Nazionale – ha dichiarato il presidente Jacopo de Ria – e desidero ringraziare personalmente il team dell’Ufficio Fiscale Fiavet,  per l’egregio lavoro e il prezioso supporto che ci hanno permesso di ottenere con successo l’ennesimo risultato a favore delle agenzie di viaggi”.
 

Tags: ,

Potrebbe interessarti