City break e wellness: nuove destinazioni in Romania

La Romania punta sugli eventi, organizzati dall’ente del Turismo in collaborazione con la regione/contea di Bihor – ed il suo capoluogo Oradea. I riflettori saranno accesi sul “Turismo city break e wellness: nuove destinazioni in Romania”, grazie a diverse novità nell’ambito dei collegamenti aerei dal Nord Italia verso la Romania. L'obiettivo è di far scoprire agli italiani nuove alternative di viaggio in Romania, mete europee valide e interessanti addatte a tutte le età e le tasche. 

Occhio di riguardo anche per il turismo culturale, i city break, il turismo religioso e verde, i principali prodotti turistici richiesti per la destinazione in Italia. Come regioni storiche si cofermano la Transilvania, la Bucovina ed il Delta del Danubio con i suoi canali d’acqua e la fauna variegata, nonché tutta l’area naturalistica dei Carpazi e le alternative per il turismo balneare. Quest’anno si punta l’attenzione sulla storica regione Crisana, con la sua città capoluogo Oradea, gioiello nazionale dell'architettura Art Nouveau che regala ai turisti la sensazione di camminare in un gran museo dell'architettura all'aperto. Con poche altre città europee, Oradea fa parte della Rete Europea delle città Art Nouveau ed è caratterizzata da un mix esotico di culture dell'Est e dell'Ovest. Inoltre, la sua immediata vicinanza alle terme Baile Felix fanno di Oradea una meta per un soggiorno abbinato al relax.

Quanto ai trend l’Italia si mantiene in classifica tra i primi Paesi che generano flussi turistici per la Romania, sia per il leisure sia per il business. Tra le novità in linea con le richieste del mercato ci sono le destinazioni per turismo attivo e di avventura, eventi nelle maggiori città dedicati a tutte le età e anche iniziative per le nicchie termali e balneari. Il turismo termale, difatti, continua a crescere con successo.

Secondo i dati relativi al 2016, la Romania si riconferma una destinazione di grande interesse per il viaggiatore italiano. Lo scorso anno la destinazione ha registrato oltre 425.000 arrivi di turisti italiani, con una crescita del 35% rispetto al 2015. Il 2017 sta già registrando i primi numeri positivi: il mese di gennaio ha visto un incremento di oltre il 45% rispetto allo stesso mese del 2016. 

 

Tags:

Potrebbe interessarti