L’Italia mercato principale per la Slovenia

Nel 2016 gli arrivi totali in Slovenia sono stati 4.170.000, registrando un +9,4% rispetto al 2015. Il turismo dall’estero rappresenta la quota principale dell’incoming con circa 2.900.000 di arrivi e con un +11,4% sul 2015. Il mercato domestico segna, invece, un +5,1%, con gli arrivi totali pari a 1.270.000. I pernottamenti totali, con una media di 2-3 notti, hanno superato per la prima volta nella storia i 10 milioni, registrando un +7,6% rispetto al 2015. Anche in questo frangente il mercato estero la fa da padrone, con più di 7.000.000 di pernottamenti per un incremento del 10,3% rispetto al 2015.

Il segmento più importante (30%) è rappresentato dal wellness, con terme e centri benessere, che ha registrato un +4,2% sul 2015. Seguono le vacanze nella natura e sulle montagne (25%) con un incremento dell’11,3% sul 2015. Il restante 45% del turismo predilige la visita delle città e altri centri urbani, dove Lubiana rappresenta la fetta principale del mercato (12%) e il turismo balneare, molto amato soprattutto dai turisti italiani, per vicinanza e offerta ricettiva (20%).

L’Italia si conferma il mercato principale per la Slovenia (17,4% sul totale degli arrivi dall’estero). Gli arrivi totali del 2016 sono stati 509.208 (+7,4%) mentre i pernottamenti 1.110.062 (+7,9%). I mesi principali degli arrivi dall’Italia sono marzo, agosto (91.000 arrivi e 240.000 pernottamenti) e dicembre (60.000 arrivi e 120.000 pernottamenti).

Anche i dati di questo nuovo anno sono positivi, con gli arrivi di gennaio e febbraio che segnano un +0,8%, attestandosi a 67.877. I pernottamenti totali dall’Italia in questi primi due mesi sono in linea con quelli dell’anno scorso e si attestano a 155.503 unità.

Tags:

Potrebbe interessarti