Tunisia: obiettivo 10 milioni di turisti nel 2020

Passa anche dalle Assise del Turismo, in svolgimento sino al 22 maggio, il rilancio turistico della Tunisia. A parlarne Selma Elloumi Rekik, ministro del Turismo del Paese nordafricano.
Un momento di confronto tra attori pubblici e privati che è arrivato a definire le azioni prioritarie da perseguire. Prima di tutto migliorare l'accessibilità della destinazione, per via aerea, terrestre e marittima, ma anche in termini di procedure dei visti. Seconda direttrice individuata l’adozione di una strategia di comunicazione e di promozione innovativa. Mettendo al centro del settore uno sviluppo sostenibile, la Tunisia vuole, poi, ripensare al prodotto turistico in sé stesso, adattandolo alle nuove esigenze e attese della clientela internazionale. Attenzione anche all’equilibrio finanziario del settore, con il sostegno alle imprese turistiche e lo sviluppo di nuove forme di finanziamento.
Un insieme di azioni che, ha riferito sempre il ministro Selma Elloumi Rekik, dovrebbe portare i turisti a quota 10 milioni nel 2020 a fronte dei 5,724 milioni del 2016. Sempre nel 2020 sono previsti 41 milioni di pernottamenti, ben più dei 17,874 milioni dello scorso anno. Le entrate turistiche dovrebbero raddoppiare, sapendo che nel 2016 quelle totali sono state pari a 2323 milioni di dinari, quelle per pernottamento sono state di 182 dinari e quelle per visitatore sono state di 512 dinari.
Il ministro, interpellato in merito alle ultime statistiche, ha dichiarato che dopo un 2015 e una prima parte del 2016 sicuramente difficili da giugno 2016 si è registrata una ripresa, confermata nei primi tre mesi del 2017, con un aumento superiore al 30% degli ingressi turistici, grazie in particolare alle positive performance di mercati  tradizionali come Francia e Spagna. Per l’anno in corso le previsioni indicano un nuomero di turisti pari a 6,5 milioni.
 

Tags:

Potrebbe interessarti