Air Serbia: parte il Venezia-Belgrado

Air Serbia, compagnia aerea nazionale della Repubblica di Serbia, collega da oggi Venezia con Belgrado con quattro voli a settimana. Il primo volo in arrivo da Belgrado è atterrato alle ore 8.30 di questa mattina all’aeroporto Marco Polo dove è stato accolto con il tradizionale “angelo d’acqua”, il saluto inaugurale dei Vigili del Fuoco. La partenza per Belgrado è avvenuta alle 10.05.

In arrivo a Venezia con il primo volo, una delegazione con a capo Zorana Mihajlovic, viceprimo ministro della Repubblica di Serbia e ministro dei lavori pubblici, dei trasporti e delle infrastrutture; Giuseppe Manzo, Ambasciatore d’Italia in Serbia e alcuni rappresentanti di Air Serbia, primo tra tutti l’amministratore delegato Dane Kondic. Il volo odierno è stato operato eccezionalmente con un Airbus A319 (YU-APJ) intitolato a Dejan Stankovic, il famoso calciatore serbo residente in Italia.

Il collegamento, operativo lunedì, martedì, giovedì e domenica, sarà effettuato con aeromobile turboelica, ATR 72 da 70 posti.

Soddisfazione espressa da Dane Kondic, amministratore delegato di Air Serbia: "Siamo lieti di collegare la capitale serba a Venezia, la nostra terza destinazione in Italia dopo Milano e Roma. Si è aperta da poco la 57^ Biennale d’Arte che, insieme ad altre attrazioni quali la Basilica di San Marco, il Canal Grande e Piazza San Marco, costituisce un motivo importante per visitare la città questa estate. Il nuovo servizio su Venezia, con una capacità di 560 posti a settimana, offre ai nostri ospiti molteplici soluzioni di viaggio, favorendo sia trasferte di lavoro sia weekend lunghi e vacanze. Abbiamo inoltre programmato gli orari in modo tale da garantire, da e per Venezia, comode connessioni alla rete di voli regionali, attraverso il nostro hub di Belgrado”.

“L’apertura del nuovo collegamento con Belgrado è una grande soddisfazione per l’Aeroporto di Venezia che, assieme ad Air Serbia, ha attivamente lavorato allo studio di fattibilità della rotta – conferma Monica Scarpa, amministratore delegato del Gruppo Save, società di gestione del Marco Polo –, forti infatti sono le relazioni economiche che intercorrono tra il nostro Nord-Est e la Serbia, a cui il nuovo volo darà ulteriore impulso, facilitando gli spostamenti dell’utenza imprenditoriale e favorendo le connessioni verso tutta l’area balcanica, attraverso l’hub di Belgrado”.

Del nuovo “ponte” tra Venezia e Belgrado beneficeranno anche le oltre 70.000 persone di etnia serba che risiedono nel bacino d’utenza del Marco Polo.

Tags: , ,

Potrebbe interessarti