Roscioli: “Le nuove norme ristabiliscono un regime di concorrenza più leale”

La nuova disciplina dell’appalto dei servizi e di altri strumenti idonei alle necessità di lavoro flessibile sono stati tra i temi dell’assemblea annuale di Federalberghi Roma, svoltasi oggi all’hotel Parco dei Principi. Dopo l’abolizione dei voucher, il comparto alberghiero ha voluto fare il punto sulle ultime novità.

“In una città come Roma in cui il turismo ha una crescita annua inferiore al 2%, cioè proporzionalmente la metà della media italiana e delle grandi realtà mondiali, esiste un problema serio per il settore che adesso può essere almeno affrontato con questi strumenti, ai quali sarebbe necessario aggiungere una moratoria delle nuove aperture extralberghiere in attesa di una vera emersione dall’abusivismo e di un reale censimento dell’esistente”, ha commentato il presidente Giuseppe Roscioli.

All’assemblea il presidente ha ribadito che la ripresa, anche in termini di qualità dell’offerta, non può che partire dalla lotta alla ricettività abusiva “e le nuove norme sul lavoro, insieme all’approvazione del nuovo Regolamento regionale, all’istituzione della cedolare secca sugli affitti brevi e all’estensione del pagamento dell’imposta di soggiorno, dovrebbero contribuire alla pulizia del mercato e al ritorno a un regime di concorrenza più leale”, ha concluso Roscioli.

Oltre agli associati di Roma e della Città Metropolitana, la parte privata dell’incontro ha visto presente anche il direttore generale di Federalberghi nazionale Alessandro Nucara per un intervento sulle nuove norme delle locazioni brevi, ultimo obiettivo raggiunto dall’organizzazione che, insieme all’approvazione del Regolamento regionale del Lazio sulla ricettività extralberghiera, regala ora alcune certezze in più gli albergatori circa la possibilità di operare in un mercato dell’ospitalità professionale orientato davvero alla concorrenza leale.

Tags: , , ,

Potrebbe interessarti