Astoi: “Comunichiamo il valore dei tour operator”

 “Siamo stati troppi anni senza comunicare il valore dei tour operator”, il presidente di Astoi, Nardo Filippetti, torna sulla campagna di comunicazione che a settembre dovrebbe avviarsi sui canali social media, per cominciare.

Lo abbiamo incontrato alla presentazione del nuovo B737-800 di Albastar e l’occasione di chiedergli se i servizi charter fossero ancora importanti per un tour operator si è trasformata in una riflessione sulla responsabilità che il turismo organizzato ha rispetto alla comunicazione dei propri servizi. “Portiamo le persone in vacanza facendogli risparmiare tanto tempo, non vendiamo un solo servizio o una somma di essi, bensì un pacchetto completo, del quale ci assumiamo le responsabilità e diamo assistenza – osserva -. Comprare prodotti e metterli in un carrello non è creare un pacchetto”.

Come noto, i tour operator di Astoi stanno versando ogni mese una quota stabilita secondo il fatturato per il fondo pubblicitario, “da parte dell’associazione stanzieremo 650/700mila euro, poi mi auguro che vogliano partecipare i network e le associazioni delle agenzie – continua -, perché l’obiettivo è mandare le persone in adv”. Marco Peci (direttore commerciale di Quality Group, ndr) è il delegato che si sta occupando di raccogliere le proposte delle agenzie di comunicazione, cui è stata data la chiara indicazione di tradurre nel linguaggio dell’advertising il valore di una vacanza organizzata. p.ba.

Tags: , , ,

Potrebbe interessarti