Balkan Express: “Sharm la risposta al mercato”

Sharm. E’ questa la novità  dell’estate firmata Balkan Express, verso la quale vola da 5 aeroporti (Napoli, Bari, Roma, Bergamo e Ancona) “e per la quale muoveremo oltre 200mila passeggeri. Un prodotto fortemente richiesto dal mercato che ci sta regalando soddisfazioni”, fa sapere la compagnia.
Che segnali sta dando il mercato? “Il mercato è presente e sono tanti i nuovi clienti che ci stanno dando fiducia. Le prenotazioni sono aumentate del 200% rispetto allo scorso anno frutto dell’introduzione di un nuovo prodotto così importante come Sharm e della riconferma di tutti quelli già consolidati della nostra programmazione, Grecia, Croazia, Montenegro e Bulgaria per il leisure”, mentre per il turismo religioso Lourdes e Medjugorje.
In merito al taglio di rotazioni previsto dal piano di sviluppo, la compagnia fa sapere che “tagli e ristrutturazioni della programmazione sono sempre scelte dolorose, ma purtroppo necessarie per il buon funzionamento delle dinamiche aziendali”. La motivazione? “Sono sempre frutto di una risposta non soddisfacente del mercato o di una piazza commerciale ancora non pronta”, dice la società.
Ad oggi gli aeroporti di punta di Balkan Express sono Napoli, Bari e Roma Fiumicino. “Da quest’anno voliamo anche da Bergamo, Ancona e Salerno”.
Per ogni destinazione si parla di almeno 2 rotazioni a settimana per aeroporto “e per Sharm da Napoli e Bari ci sono 4 partenze”. Oltre a Sharm, altra punta di diamante della programmazione è la Grecia con Corfù, Zante, Cefalonia e Rodi, la Croazia, il Montenegro e la Bulgaria. L’offerta è stata rafforzata con nuove strutture ricettive per soddisfare le esigenze di un maggior numero di clienti.

Il modello Fly & t.o.
Il modello Fly&Tour Operator proposto da Balkan Express nasce dall’idea di “proporre soluzioni low cost con un’offerta ricettiva più completa ed eterogenea rispetto ai normali canoni”. A monte ci deve essere “un’attenta attività di selezione e sviluppo consolidata negli anni che ci permette di contrattualizzare le strutture per la loro intera capacità”. L’altra carta giocata è quella di fornire “aeromobili delle migliore compagnie aeree che soddisfano le esigenze di un gran numero di viaggiatori diversi tra loro”.
Un tipo di politica che permette di soddisfare “le esigenze del singolo viaggiatore così come richieste full charter per qualunque destinazione”. In questo modo si possono avere “pacchetti completi di volo, trasferimenti e soggiorno a prezzi competitivi e trasferimenti aerei comprensivi di bagagli in stiva e a mano. Prezzi di una low cost, ma con servizi di una compagnia di linea”. Per quanto riguarda il canale agenziale, “tutte le adv dalla loro prima pratica usufruiscono di un regime commissionale con un minimo del 10% per poi prevedere scale di incentivi più alti al raggiungimento di determinate soglie di fatturato. Anche per il solo volo è prevista una commissione di vendita”.               

Tags: ,

Potrebbe interessarti