La direzione del turismo secondo Bernabò Bocca

Bernabò Bocca, presidente di Federalberghi, elegante e intramontabile, e anche se non in grado di scendere nei dettagli del gergo moderno – “non so cosa sia un contest” – è capace di valutarne i benefici avviando una campagna web a favore degli albergatori danneggiati dal terremoto all’insegna dell’hashtag #emozionialcentro. La sua visione è vincente, tanto si perde il conto di quante volte ha visto rinnovare il suo mandato. Il quadro che ha del turismo aiuta a capire dove stiamo andando.

Si parte da Alitalia e dal suo futuro. "Non vorrei fare il guastafeste, ma qualcuno potrebbe comprarla per smembrarla, è un gioco redditizio – dice -. Potrebbe diventare un vettore regionale per British Airways o Lufthansa. Per noi la compagnia di bandiera è importante, perché Federalberghi è abituata a guardare al futuro, e il futuro sono i mercati emergenti, sul lungo raggio, come la Cina. Se gli hub europei fossero esclusivamente Londra o Berlino, non potremmo certo esserne felici”.
Si passa alla situazione del Qatar, che risvolti ha per l’incoming redditizio di questi turisti e gli investimenti? “Sono pochi turisti, con un’ottima capacità di spesa, ma l’influenza sugli investimenti potrebbe essere un problema serissimo. Basti pensare alla Costa Smeralda: qui non solo sono proprietari di alberghi, ma hanno fatto enormi investimenti in terreni per sviluppi immobiliari legati al turismo. Ci auguriamo quindi che la situazione ritorni alla normalità”.
Si sofferma sulla “manovrina”, che ha introdotto un regime d’imposta nuovo per le locazioni, un passo in avanti per la battaglia di Federalberghi contro l’abusivismo. "E’ senz’altro uno sviluppo positivo: ci si è accorti di un fenomeno legato all’abusivismo, quello delle locazioni brevi a fini turistici, un fenomeno dilagante, che tutti gli altri Paesi europei avevano già accertato”.

Sono solo alcuni dei temi trattati nel corso dell'intervista. Per un approfondimento dell'argomento rimandiamo al numero 1529 di Guida Viaggi. l.s.

                  

      

Tags: ,

Potrebbe interessarti