Neos, nuova linfa dai Dreamliner

L’obiettivo Neos di differenziare i ricavi lavorando su più mercati sta dando i risultati previsti. Questa estate sono operativi quattro voli sulla Cina (10mila i pax cinesi trasportati nel 2016 con una stima di 20mila per il 2017, ndr), mentre con Israele  il vettore ha già compiuto 15 anni di collaborazione. Attivi anche rapporti di partnership con i principali gruppi turistici internazionali, tra cui il leader europeo Tui.

Nuova linfa per sostenere il piano di sviluppo e raggiungere le nuove destinazioni a lungo raggio arriverà dall’ingresso in flotta dei Dreamliner.

“Abbiamo ordinato alla Boeing – spiega Carlo Stradiotti, amministratore delegato di Neos – tre macchine, la prima delle quali in consegna questo dicembre, la seconda a giugno prossimo e la terza a ottobre. Questi aerei (359 i posti previsti) rappresentano un passo avanti nell’innovazione, permetteranno un’ottima esperienza di volo, migliorando il confort dei passeggeri e i servizi di intrattenimento a bordo. Daremo una svolta al modo di volare”. Spazio di bordo aumentato e riduzione dei costi di gestione e consumo carburante tra gli aspetti che saranno valorizzati. Migliorerà anche l’autonomia di volo, che si estenderà così a oltre 15mila km, permettendo di ampliare il ventaglio di destinazioni, a partire dalla novità Vietnam. Messico, Cuba, Zanzibar, Maldive le destinazioni raggiunte con il 787.

Attualmente Neos collega 55 destinazioni e vola lungo le principali rotte turistiche nazionali e internazionali. l.d.

Tags: ,

Potrebbe interessarti