In Costa Azzurra il primo franchising Beachcomber

Sessantacinque anni di Beachcomber, di cui 28 in Italia con Sheila Filippi come general manager: ieri sera la catena mauriziana ha celebrato l’anniversario a Milano durante una serata a tema “The art of beautiful”. “Tutto è cominciato nel 1952 con il primo all inclusive (il Shandrani oggi), creato per ospitare gli equipaggi delle compagnie aeree – ricorda la direttrice -; siamo arrivati a otto strutture a Mauritius, il Sainte Anne alle Seychelles, una a Marrakech che abbiamo affidato a Fairmont hotels e il primo franchising in Costa Azzurra”.

Si trova a Sophia-Antipolis (Nizza) ed è stato aperto nel settembre 2016: il “French Riviera” ha natali illustri e un rinnovamento da 90 milioni di euro, per opera della proprietà facente capo a Patrick Mouratoglou, celebre coach della campionessa Serena Williams e diverse altre star del tennis.

Canonnier riapre il 2 settembre

Sul futuro da franchisor, Beachcomber non si svela per ora: “Non abbiamo avuto comunicazioni sullo sviluppo”, osserva Filippi. Intanto le prenotazioni crescono a doppia cifra: +30% i pernottamenti nel 2016 da parte del mercato italiano, che nei primi mesi del 2017 si trasformano in +23%. “Con la chiusura di Canonnier (riapre il 2 settembre, ndr), per rinnovamento, ci aspettiamo un anno di equilibrio e un incremento del 4%, essendo la struttura molto frequentata dagli italiani”. Il 2017 vede anche la chiusura per il totale restyling della struttura alle Seychelles, dal 4 settembre.

Mauricia ad Alpitour

Da novembre Mauricia va in esclusiva ad Alpitour che farà un AlpiClub. “Ci aspettiamo una stagione importante dall’inverno prossimo – conclude -. Il canale delle agenzie di viaggio per noi resta primario, collaboriamo insieme, facciamo diversi eventi e continueremo con questa strategia”.

I visitatori italiani a Mauritius crescono del 20% attualmente. p.ba.

Tags: , ,

Potrebbe interessarti