Alitalia entra nella fase due

Con la scadenza definita dal bando per le manifestazioni di interesse, la gara per la cessione di Alitalia entra nel vivo della seconda fase. Un termine che secondo quanto scrive Adnkronos, sarebbe soltanto formale, in quanto gli interessati hanno già inviato per tempo la propria manifestazione di interesse e chi è in possesso dei requisiti richiesti, superato il vaglio dei tre commissari, sarebbe già stato ammesso alla data room.

Il numero degli 'aspiranti' si attesterebbe a 12-15. I riflettori sono tutti puntati sulle mosse che i big, da Lufthansa a Etihad e Ryanair, hanno deciso di compiere in questa partita, sulla forma concreta che prenderanno le dichiarazioni rilasciate nel corso dell'estate, e se il loro interesse è focalizzato sull'acquisto di Alitalia nella sua interezza o è limitato alla parte aviation o handling. Inoltre, delle new entry, in questa fase, sono sempre possibili: il bando apre, infatti, a nuovi soggetti a condizione che entrino in cordata con soggetti che abbiano partecipato alla prima fase della procedura.

Grande l'attesa per Lufthansa. Nessuna dichiarazione arriva dal colosso tedesco, interpellato alla vigilia della deadline. L'aviolinea, impegnata ora anche sul fronte del 'dossier' airberlin, ha dichiarato di osservare "attentamente" lo sviluppo di Alitalia e nelle ultime settimane si sarebbe intensificato il lavoro da parte degli uomini di Lufthansa che stanno vagliando il dossier in tutti i suoi aspetti.

In assenza di slittamenti della procedura, ci sarà un periodo di transizione, dovuto ai tempi di esame dell'Antitrust europeo (che generalmente va oltre i 60 giorni previsti) e quelli di perfezionamento del contratto di cessione. Transizione che potrebbe arrivare fino alla prossima primavera. In questo contesto, i commissari stanno lavorando alla pianificazione per il 2018. Definita la stagione winter, con nuove destinazioni come New Delhi e Maldive, si lavora alla 'summer'.

Tags: , , ,

Potrebbe interessarti