Aeroviaggi, nuove aperture in Puglia e Sicilia tra gli obiettivi

Aeroviaggi rilancia ancora. Dopo l’apertura del Pollina resort, il tour operator specializzato sulla Sicilia e sulla Sardegna guarda al futuro prossimo con l’obiettivo di investire su nuove strutture.
A spiegarlo a Guida Viaggi è Antonio Mangia, presidente del tour operator: “Stiamo esaminando due nuove opportunità – una in Sicilia e una in Puglia – per il 2019, per un totale di 5.600 camere”.

Progetti futuri
Un piano di sviluppo che fa seguito ad una stagione estiva che Mangia non esita a raccontare in termini più che positivi: “Nel 2017 abbiamo battuto ogni record, raggiungeremo un milione di presenze con un incremento complessivo del +18%”.
In particolare, “hanno risposto positivamente sia la Sicilia che la Sardegna: se sulla prima abbiamo registrato un +24% – anche a seguito dell’apertura del Pollina resort, che ha sempre registrato la piena occupazione – la Sardegna ha risposto con un +6%”.

La clientela
Quanto ai principali mercati di riferimento che hanno contribuito a questa crescita, “sono quelli abituali – spiega Mangia – con Francia e Italia in testa: ma abbiamo rilevato anche la presenza di molti polacchi e russi. L’occupazione media delle strutture Aeroviaggi ammonta al 90%”.

L’offerta attuale
Quanto all’offerta attuale del t.o., Mangia spiega che “si compone di 15 strutture ricettive, di cui 11 di proprietà e quattro in gestione, con 10 mila posti letto circa”, mentre sui rapporti con il canale agenziale rileva che “il 90% del nostro fatturato è realizzato tramite agenzie e t.o., mentre il restante 10% proviene dal web o dal canale diretto”.                            

Tags: , ,

Potrebbe interessarti