Smart cities a Bto, tra overtourism e risposte digitali

“Cinque città italiane alle prese con l’overtourism”: a Bto, da dopodomani per due giorni alla Fortezza da Basso a Firenze, si parla anche del tema di maggiore attualità per l’incoming e cioè come distribuire meglio i flussi in caso di troppo turismo concentrato in picchi di stagionalità.

Il Ministero per i beni e le attività culturali e il turismo ha aperto un tavolo con gli assessori al turismo di Milano, Venezia, Firenze, Roma e Napoli. Il 27 luglio il ministro Dario Franceschini ha firmato un protocollo di collaborazione come primo passaggio per la condivisione di scelte verso la tutela dei luoghi sotto pressione turistica. Nel panel intervengono per discuterne i cinque assessori introdotti dal direttore generale di Mibact, Francesco Palumbo, il 30 novembre nella Focus hall sponsorizzata da Keesy, alle 1210.

Il tema prosegue nel panel “Destination models ‘en route’ – Le città elaborano sempre di più connessioni digitali avanzate” per individuare una risposta nella distribuzione integrata dei servizi per il turista. Sempre nella giornata del 30 novembre, alle 1515, in Focus hall by Keesy. Con Antonio Pezzano, imprenditore di public policy e tra gli autori di Officina Turistica, Carlotta Ferrari, direttrice del Destination Florence convention & visitors bureau e presidente del Convention Bureau Italia, Jana  Hudcova, head of tourism department della città di Praga e Yadin Katz, direttore della comunicazione digitale di Tel Aviv.

Tags: , , ,

Potrebbe interessarti