Meloni: “Speriamo che la joint venture transatlantica di Alitalia sia rimodulata”

"Siamo partiti da. 20.000 euro per arrivare a 3.000.000 di investimento della tassa di soggiorno nel turismo, non è poco". L'assessore al turismo del Comune di Roma Capitale, Adriano Meloni, traccia le linee percorse lo scorso anno, venendo incontro alle imprese, a margine di un convegno dell'Albergatore Day, e ci racconta gli assi su cui  si muoverà l'amministrazione pentastellata il prossimo anno.

"Lavoreremo sempre più su accoglienza e promozione, quindi i corsi di formazione che abbiamo iniziato per tassisti, ristoratori, personale alberghiero, continueranno; per quanto riguarda la promozione invece, il nostro principale partner è Adr, che ci aiuta ad attrarre turisti di lungo raggio; grazie a loro siamo la prima città europea per collegamenti diretti con la Cina. Il problema tuttavia –  prosegue Meloni – è sugli Stati Uniti, il maggiore mercato per i cinque stelle (il 40% sono nordamericani) Alitalia è un po' ammanettata dalla joint venture transatlantica, mi auguro che ora con il commissario e Fabio Lazzerini riescano a rinegoziare l'accordo per renderlo in qualche modo più equo, perché i numeri che attualmente registra Alitalia sul Nord America sono assolutamente inadeguati, e se non abbiamo i voli che arrivano gli alberghi non si riempiono – ha affermato -. American Airlines e Delta –  ha concluso – stanno aumentando la capacità, se anche Alitalia riuscisse a darci una mano non sarebbe male". l.s.

Tags: , ,

Potrebbe interessarti