Il progetto Grand Tour by Valtur prende corpo

Entra nel vivo il progetto Grand Tour by Valtur nei quattro resort sulla neve dell’operatore dopo l’annuncio della partnership con l'Accademia Maestri Cioccolatieri Italiani e della gustosa “Chocolate Experience” in programma fino a febbraio, nuove collaborazioni prenderanno il via nelle prossime settimane per regalare agli ospiti dei resort di Sestriere, Pila, Marilleva e Principe Marmolada esperienze speciali legate al territorio ed al mondo dell’arte, della cultura e dell’enogastronomia d’eccellenza.

Un progetto che mira a coinvolgere sia il pubblico che il privato e che verrà portato avanti anche nei resort estivi. Gli ospiti sembrano interessati e anche dal fronte pubblico arrivano riconoscimenti: “Una innovazione, un cambio di tendenza”, ha dichiarato il sindaco di Mezzana a proposito delle iniziative sia in termini di ammodernamenti che di partnership proposte a Marilleva.

Un cambio di marcia che sembra andare di pari passo con quello della amministrazione comunale: “Recentemente è stato firmato un protocollo per la riqualificazione di Marilleva 1400 con il presidente della Provincia. La strada che ci sembra più percorribile è quella di trovare investitore e gestore per quelle strutture che oltre a Valtur hanno comunque prodotto cifre significative a livello di presenze (altre tre analoghe per dimensione, spiega, ndr) ma si tratta di sciogliere il nodo della multifunzionalità che esse presentano. La strada che ci sembra più percorribile è quella della separazione tra gestore e investitore per il restyling degli alberghi. Quanto fatto da Valtur puntella il nostro lavoro”.

Intanto a Valtur Marilleva il tasso medio di occupazione da apertura della struttura il 21 dicembre è stato del 70%. L’hotel, che conta su 880 posti letto, ha intrapreso nella passata stagione il restyling delle aree comuni negli arredi e nella pavimentazione, oltre ad aver rifatto nelle camere pavimentazione e bagni inserendo anche complementi d’arredo quali nuovi tendaggi e tv a parete.

Per la prossima stagione si pensa ad altri lavori e si sta ipotizzando di cambiare anche l’esterno della struttura. La maggioranza della clientela è rappresenta da famiglie italiane, un 30% invece da stranieri, tra cui tanti polacchi e qualche israeliano, un po’ di rumeni. n.s.

Per approfondimenti sul tema a questo link le nostre notizie sulla Crisi Valtur 2018

 

Tags:

Potrebbe interessarti