Alla scoperta di Fidenza Village con Frigerio

 “Il 2018 sarà per noi un anno importantissimo, dalle grandi opportunità di crescita e stimoli di livello internazionale. Per questo abbiamo sviluppato un modello di business distintivo che mette al centro l’ospite prestando la massima attenzione alla qualità del servizio e all’accoglienza, con soluzioni flessibili e su misura per tutti gli ospiti, sia italiani, sia internazionali”: così Silvia Tagliaferri, Tourism Director di Fidenza Village.
Un anno iniziato in maniera “scoppiettante”, commenta la manager, a partire dall’accordo con Frigerio Viaggi. Dal 2 gennaio sono due i pullman che partono da Piazza Duomo alle 9.45 e da Piazza Repubblica alle 10.15 per portare gli ospiti alla scoperta della destinazione.
I bus a due piani, con 75 posti e wifi gratuito, sono prenotabili sul sito di Fidenza Village; il servizio “Shopping Express” prevede la Vip Card per il proprio shopping, l’accesso all’area “The Concierge” e il servizio “Hands Free Shopping”, con la consegna dei pacchi direttamente alla fermata del bus.

La sponsorizzazione
“Stiamo promuovendo il servizio alle principali fiere di settore e lo stiamo sponsorizzando sui social”, commenta il direttore divisione trasporto Carlo Frigerio. Non è l’unica novità per l’outlet: “Abbiamo deciso – racconta la manager – di raggruppare sotto l’unico brand ‘The Bicester Shopping Village’ tutti i villaggi, undici, di Value Retail per rappresentare l’esperienza di shopping esclusivo nata 22 anni fa a Londra con il primo villaggio, il Bicester Village, appunto, senza che questo faccia venir meno l’identità di ciascuno”.
Prossime aperture? “Vediamo – risponde la manager – potrebbe essere in Cina -. Il gruppo ha iniziato con due villaggi nel Paese mandarino (Suzhou Village e Shanghai Village, ndr) e non penso voglia fermarsi”.
Fidenza Village ha ottenuto a maggio la certificazione Welcome Chinese: “Un segmento che rappresenta il 40% all’interno dei nostri villaggi”, puntualizza Tagliaferri, sottolineando come per le nazioni asiatiche lo shopping resti fondamentale. “C’è poi un ritorno dei russi, li vedo diversi rispetto al passato e c’è stata una grande scrematura: ora viaggiano anche individuali o piccoli gruppi e siamo in grado di offrire loro anche un servizio di elicottero”. Certo l’Italia rimane la componente principale, ma quella estera non è trascurabile se “la spesa media è 10 volte più alta di quella domestica”. Nuovi mercati “l’India – prosegue Tagliaferri –, in grande ripresa il Giappone, resta in flessione il Medio Oriente; continueremo a sviluppare la parte straniera. Per il mercato cinese abbiamo aperto anche un account WeChat”.
Grande attenzione al territorio sia come esperienza sia come attrattiva, sottolinea la direttrice, con pacchetti food, legati ai castelli o alle terme, acquistabili sul sito, ma il trade rimane fondamentale: “Abbiamo circa 400 partnership vive  nel settore”.                    

Tags: ,

Potrebbe interessarti