Aidit alla Rai: “Inaccettabile il messaggio del Kilimangiaro”

Anche Aidit prende posizione contro la trasmissione di Rai3 “Kilimangiaro” e scrive alla Rai. Dopo il commento della Fiavet dei giorni scorsi, ora la parola passa alla neonata Associazione Italiana Distribuzione Turistica, aderente a Federturismo Confindustria. Il giorno di  Pasqua, infatti, Gloria Aura ha dichiarato ai telespettatori del Kilimangiare che “per risparmiare è meglio rivolgersi direttamente alle associazioni perché le agenzie offrono dei pacchetti molto costosi”. Una frase considerata lesiva "per il lavoro e la professionalità degli agenti di viaggio”, come ha dichiarato in queste ore Domenico Pellegrino, presidente di Aidit.

Non è la prima volta che succede, già sotto la conduzione di Licia Colò erano avvenuti episodi simili. "Quest’affermazione è particolarmente grave perché  le associazioni, in virtù delle norme vigenti che regolano l’organizzazione di viaggi, non hanno le autorizzazioni per proporre e vendere pacchetti di viaggio" si legge nella nota che l'Aidit ha inviato in Rai e prosegue: "Si tratta di una comunicazione che oltre ad essere priva di riscontro nel merito, ha dato modo di veicolare un messaggio totalmente errato e inaccettabile, contrario agli interessi del consumatore e dell’intera filiera turistica italiana, senza tenere in considerazione il fatto che è stato diffuso da un’azienda che ha come presupposto il servizio pubblico"

“Come associazione – dice Pellegrino – abbiamo ritenuto quindi indispensabile scrivere alla redazione del programma per chiedere che nella prossima puntata vengano specificate le norme che regolano il turismo organizzato e si prendano le distanze dall’informazione data, che sembra esortare all’abusivismo e disorienta veramente i consumatori”. La nota si conclude con una indicazione: "le agenzie di viaggi sono e rimangono sempre la migliore scelta per chi vuole prenotare una vacanza all’insegna della sicurezza trovando competenza, esperienza e preparazione".

Tags: ,

Potrebbe interessarti