Andamento di mercato positivo

“Prenotazioni sempre in positivo, in linea con lo scorso anno”, è l’opinione più diffusa degli agenti Usa Ambassador, diplomati “specialisti” da Visit Usa Italy.
Tornano le famiglie a spendere budget significativi per i tour on the road: “Rispetto al classico ‘California-Los Angeles-parchi-San Francisco’, li facciamo spaziare fino a Seattle, nello stato di Washington, per imbarcarsi su una nave da crociera e godersi la costa canadese fino all' Alaska”, ci fa sapere Roberto Paolocci, Ratanga Viaggi di Roma.
Gli agenti sono più creativi rispetto al passato, merito dei programmi formativi che seguono con passione.
“Abbiamo diversi viaggi di nozze che fanno fly and drive in California – commenta Nicoletta Mangolini, executive  travel  manager Emozioni di Viaggio (by Proviaggi) di Bologna -. Il Golden State spinge le estensioni alle Hawaii, New York secca o abbinata a Canada, Washington e Boston è sempre favorita. Abbiamo lanciato un South Dakota più Denver di gruppo, ma non avendo raggiunto il minimo li ho lasciati andare individualmente in un fly and drive. Per l'estate stiamo proponendo un Chicago e dintorni, sempre di gruppo”.
L’Orchidea Viaggi di Milano registra un andamento in controtendenza quest’anno: “Le richieste sono in diminuzione, questione di ‘moda e tendenza’ verso altre località tipo il Canada o Sud America, non saprei, noi abbiamo una clientela di repeater, per cui  tanti clienti ci sono già stati negli anni precedenti e chiedono altro, anche Giappone e Oman”, spiega Ilaria Mainardi, marketing manager
Il tour operator Naar rileva una crescita a doppia cifra e stima per l’industria un +8/10%, in linea con la crescita dei viaggi organizzati in generale.                           

Tags: , , , , ,

Potrebbe interessarti