Travered riconferma le offerte

Ventinove anni di attività in Corsica e 22 come marchio Travered, Ezio Mattei della direzione commerciale ammette di avere un grande coraggio oltre che esperienza.
“Il nostro è un monoprodotto – spiega – con una quarantina di strutture esclusive sul mercato italiano, anche se con Internet la parola esclusiva si è un po’ persa”. Con il tempo la qualità dell’offerta si è molto evoluta, “ma il rischio – sottolinea il manager – sono i posti. Può capitare che pur avendo un contratto arrivi dalla struttura il segnale di stop sale. La provenienza dei flussi per l’isola è prevalentemente europea, con Germania, Francia, Olanda, Uk e Est Europa a contendersi i posti letto”. La prerogativa di Travered, proprio perché specialista e monoprodotto, è quella di commercializzare i posti anche attraverso altri operatori, da Tui, a Interhome fino ad arrivare alla Repubblica Ceca. “Per anni in Italia – aggiunge Mattei – abbiamo lavorato con Eden, che ha abbandonato il prodotto 4-5 anni fa e con Alpitour, che lo ha lasciato quest’anno, con riserva di riproporlo più avanti”.
La Corsica di Travered vede quest’anno “riconfermate tutte le offerte speciali che da sempre caratterizzano il nostro prodotto quali Prenota Prima, Piano Famiglia, Prima e…Poi, Vacanza Lunga. Per noi poter riconfermare le offerte speciali è già un’importante novità. Da segnalare anche una linea di strutture luxury (4-5 stelle) e formule residenziali pieds dans l’eau per una clientela più esigente”.

“Perfezioniamo e affiniamo continuamente l’offerta tailor made verso le agenzie”, assicura il manager. Al momento la destinazione sta registrando un “buon andamento delle vendite per luglio, agosto e settembre”. Fiacco, invece, il mese di giugno “come da tendenza degli ultimi anni”. Ma quale tipo di clientela sceglie la Corsica per le proprie vacanze? “Di tutte le età – risponde il manager -, ma si registrano molti più giovani, attenti anche alle meraviglie che l’isola offre”.
Travered collabora con 5-6mila agenzie e con alcuni network. La politica commerciale prevede due scaglioni, a seconda che si tratti di prodotti con impegno o meno e le commissioni vanno dall’11 al 16%.                    

 

Tags: ,

Potrebbe interessarti