Easyjet punta forte sul tour operating

Una spinta decisa verso il tour operating. E’ questa la mossa di Easyjet, resa evidente dall’acquisizione, operata in questi giorni, di una licenza Atol britannica valida per l’estate per 185.000 clienti, ovvero più dei 166.450 che Easyjet Holidays, il t.o. in house del vettore, era già autorizzato a gestire per l’intero 2018.

La licenza non è obbligatoria per le compagnie aeree, mentre lo è per i tour operator, per i quali costituisce anche una forma dovuta di garanzia assicurativa e legale a tutela dei clienti che acquistano pacchetti che includono voli.

EasyJet Holidays è attualmente gestito da Hotelopia, una sussidiaria di Hotelbeds, e punta – nelle intenzioni del nuovo management, ed in particolare del nuovo ceo Garry Wilson, ex product e purchasing managing director di Tui Group – a creare un importante polo del tour operating vacanziero paneuropeo.

Wilson si è unito al nuovo ceo di Easyjet Johan Lundgren, a sua volta forte di una vasta esperienza nel tour operating, che include anche 12 anni in Tui come vice ad e poi come ceo.

Tags: ,

Potrebbe interessarti