L’ippica italiana si propone come volano per l’incoming

Il turismo si dà all'ippica, e viceversa. Il Coordinamento degli ippodromi italiani ha diramato una nota nella quale spiega come “il governo ha aggiunto alle competenze del ministero delle Politiche Agricole e Forestali anche il Turismo: ci sembra un’ottima decisione che potrebbe favorire anche una buona riforma dell’ippica, che oltre ad essere sport ed agricoltura potrebbe svolgere un importante ruolo anche per lo sviluppo del turismo nel nostro paese. Basta pensare ai nostri 35 ippodromi distribuiti su tutto il territorio nazionale”.

Il mondo dei cavalli si propone quindi come elemento di interesse per favorire l'incoming, come d'altronde già avviene in altri paesi, Regno Unito e Francia in primis: “Vorremmo parlare del tema con il ministro Centinaio, e provare a considerare l’ippica un grande volano anche per il turismo. Questa scelta potrebbe avere importanti e positive conseguenze anche sui calendari delle corse, sui finanziamenti agli ippodromi e sui contratti di lavoro”.

Tags:

Potrebbe interessarti

Nessun articolo collegato