I Grandi Viaggi dimezza le perdite

I Grandi Viaggi raggiunge l’importante risultato finanziario di dimezzare le perdite, grazie alla decisione di chiudere le destinazioni improduttive. Il Cda presieduto da Luigi Clementi (nella foto) lo ha reso noto ieri durante la presentazione dei risultati del terzo trimestre. Al 31 luglio i ricavi consolidati risultano a 35,2 milioni contro i 32,5 dello stesso periodo del 2017.

L’incremento del fatturato è da imputarsi in parte alle vendite relative alle destinazioni di proprietà italiane estive, che complessivamente hanno fatto registrare una crescita del 14% circa”, spiega una nota. Per quanto riguarda i villaggi commercializzati, la rendita è diminuita del 47%, dovuto alla scelta della società – come detto – di chiudere alcune destinazioni risultate non più convenienti in termini di redditività.

Il settore del tour operating ha incrementato il proprio fatturato del 77% circa, soprattutto con riferimento alle destinazioni Centro e Sud America, Oriente, Australia e con minor rilevanza anche per Africa, Stati Uniti e Canada.

Infine, Ebitda positivo per poco più di un milione contro il milione e 400 milioni negativi del 31 luglio 2017. La posizione finanziaria netta a breve termine è positiva per 32 milioni di euro.

Tags: ,

Potrebbe interessarti