Compagnie aeree, arriva la grande crisi?

Una crisi imminente per il settore aereo dopo quattro anni di crescita esponenziale, alla quale le compagnie di tutto il mondo devono prepararsi. E’ questa la previsione di Valter Fernandes, ceo di Tap Express, che sull’ipotesi di un calo per l’intero comparto ha aggiunto che "è dietro l'angolo: non sappiamo quando, ma arriverà".

I motivi alla base del funesto vaticinio? "I costi del carburante stanno aumentando, e abbiamo un problema nella velocità con la quale implementiamo miglioramenti, anche sugli aerei”. Fernandes ha parlato alla ventunesima edizione di Mro Europe, che si è svolta ad Amsterdam, e ha rimarcato come la lentezza dei progressi nel settore possa causare un gap anche rispetto alle richieste dei clienti: "Non siamo più ‘sexy’ e all'avanguardia, dobbiamo essere più creativi e ne abbiamo certamente le capacità. Ma oggi le persone non sono più stupite del nostro prodotto, ed è per questo che pianificare è necessario".

Fernandes ha inoltre delineato la strategia del suo vettore, sottoposto come molti altri alla crescente pressione da parte degli operatori low cost sui mercati principali. "La lotta è iniziata insieme al nuovo millennio, ed è stato molto difficile competere con le low cost carrier point-to-point. Avevamo una flotta obsoleta e il bisogno di modernizzarci, quindi ci siamo rivolti ai prodotti Embraer E-Jet. Il nostro piano è di far crescere la flotta per compensare i costi fissi e alimentare Tap nel suo hub principale, che è quello di Lisbona. Vogliamo servire quelle rotte che non si adattano agli Airbus A320. Il nostro prodotto deve essere diverso da quello di Tap e allo stesso tempo differenziarsi dalle compagnie low cost”. g.m.
 

Tags: , ,

Potrebbe interessarti