Cathay Pacific: nuovo country manager

Forte di un load factor dell'85% su tutte le tratte da e per Milano Malpensa e Roma Fiumicino durante tutto l'arco dell'anno, Justin Chang, nuovo country manager di Cathay Pacific, in azienda da dieci anni, in Italia dalla fine del mese di agosto, è pronto ad affrontare la nuova sfida. “Vantiamo una flotta di nuova generazione composta da 196 aeromobili e con 7,7 anni di età media. Abbiamo un ordine di 77 nuovi apparecchi che consentiranno di abbassare ancora l'età media e di avviare nuovi collegamenti. I nostri servizi sono top level anche in classe turistica e il nostro network insieme a quello di Cathay Dragon (100% di proprietà di Cathay Pacific), consente ai passeggeri italiani di volare dopo lo scalo di Hong Kong su tante destinazioni asiatiche, con il through check-in fatto dal primo aeroporto di partenza. Sono convinto che saremo in grado di raggiungere in Italia risultati molto interessanti”. Si guarda non solo al network ma anche alle potenzialità turistiche sulla città di Hong Kong, destinazione straordinaria e vera porta dell’Asia per molti italiani. Cathay Pacific che fa parte di One World, sui voli da Milano effettuati con B777/300 ER offre 4 classi di servizio, rispettivamente First, Business, Premium ed Economy. “Sui voli da Roma – ha commentato il manager – nella stagione invernale i voli sono operati con A350/900 e le classi sono tre, mancando la First. In estate anche su Roma sono utilizzati i Boeing 777/300. Ma la richiesta di volare in First Class arriva per lo più dai passeggeri in partenza da Milano”. I voli da Milano sono quotidiani mentre quelli da Roma sono tali solo nella summer. In inverno la frequenza è 4/7. Cathay Pacific solo a Hong Kong dispone di 5 lounge, accessibili a tutti i soci Marco Polo che ne abbiano i requisiti di livello.                                                     

Tags: ,

Potrebbe interessarti