Viva Wyndham apre ai Caraibi

“L’azienda vuole crescere, c’è questa volontà, ma sempre nell’area dei Caraibi, e già a febbraio, nel corso della Bit potremmo fare un annuncio”. Guarda avanti Amanda Santana, vicepresidente sales & marketing Viva Wyndham Resorts, forte di un anno che ha portato a casa un dato globale di occupazione del 93,4%  con una crescita del 2,3%.  Le persone che hanno soggiornato negli 8 resort del gruppo da gennaio ad agosto sono state 1.361.488. Più altalenante il ritmo del mercato italiano, che comunque resta tra i più importanti per il gruppo insieme a Francia e Germania.  “Può essere dipeso da un mix di fattori, legati alle destinazioni e ai trend generali, compresa anche la ripresa di mete più vicine nel Mediterraneo”, ha spiegato la manager. In Messico il Viva Wyndham Azteca è quello che è andato meglio. Alle Bahamas il Fortuna Beach riconferma un risultato ottimo da maggio a settembre, periodo del charter realizzato con Bravo Club, mentre le prenotazioni per gennaio e novembre hanno registrato picchi altissimi: “L’iniziativa è andata davvero bene e sarà ripetuta da maggio prossimo”, ha assicurato la manager. Infine il V Samanà ha avuto un boom di richieste nei mesi di maggio, luglio, e settembre. Con un'occupazione così alta, il gruppo non smette di rinnovare ogni anno con qualche intervento. Al Viva Wyndham Dominicus Palace da dicembre ci saranno 54 nuove camere superior e la proprietà passa così da 330 a 384 sistemazioni. Il V Samanà, parte di Vcollection, lancia una bella novità: una zona nuova aperta da gennaio e già prenotabile, con 34 bungalows con servizi top dedicati. “Abbiamo lanciato da due anni V Collection, adesso speriamo che questa nuova soluzione piaccia e sia ben accolta, poi capiremo se può essere replicata in altri V Collection", ha spiegato Santana. Il gruppo per il 2019 punta a diventare una wedding destination: nei resort ci sarà un wedding planner per organizzare le cerimonie, senza pensieri per i futuri sposi. “Speriamo che anche il mercato italiano colga questa opportunità, nei nostri resort si parla italiano, la maggior parte dei Gm sono italiani, credo che quindi sposarsi da noi possa essere una esperienza che anche a voi possa piacere”, ha detto ancora Santana. Intanto il gruppo allarga i suoi orizzonti su altri mercati, come per esempio l’America Latina, Argentina in testa e dal prossimo anno Cile e Brasile.                               

 

Tags: ,

Potrebbe interessarti