In Italia il 36% dei turisti high spender è cinese

In Italia il 36% dei turisti high spender è formato dai cinesi. Ed è questo uno dei motivi che ci ha spinto, in occasione del Capodanno cinese, a una serie di iniziative per incentivarne sia le spese che ad indurli a una visione della città dove l'arte – nello specifico le opere fotografiche di Llu Bollin, esposte nelle vetrine delle più note e prestigiose boutique di lusso romane – , saranno un'attrattiva particolare. Una sorta di mostra diffusa con circa 30 scatti realizzati a Roma e dedicati alla pop art”. A parlare, Andrea Amoruso Manzari, ideatore e organizzatore Rome Chinese New Year Celebration in occasione della presentazione alla stampa dell'evento che si terrà dal 2 al 10 febbraio. “ Sarà l'anno del maiale, che ha un significato di abbondanza e benessere. I negozi che hanno aderito avranno un allestimento di colore rosso, uno dei colori che identifica il capodanno cinese. Un messaggio per fare sentire a casa i cinesi che saranno a Roma durante il Capodanno”.

Tatiana Campioni, assessore al commercio Municipio uno di Roma centro, si è detta felice di avere aderito e promosso l'iniziativa. “Uno dei nostri obiettivi è fare crescere un turismo di qualità di cui Roma ha molto bisogno. Importante alzare l'asticella del decoro in tutta la città che è stata trascurata. Festeggeremo il Capodanno anche con la comunità cinese, in uno dei luoghi simboli del mondo multietnico, precisamente a piazza Vittorio”.

Annunciato un evento formativo che si terrà al Plaza il 4 febbraio in collaborazione con i partners dell'iniziativa, precisamente Wechat, Fondazione Italia Cina, il Sole 24 Ore, Digilat Retex e Stamp. “Lo scopo è ovviamente migliorare le performance di vendita e tutti i servizi necessari al mercato cinese. L'evento si terrà nello storico Grand Hotel Plaza che già dal 2009 è all'avanguardia per l'ospitalità verso i cinesi. Inoltre – ha concluso l'ideatore dell'evento – ci sarà un party alla Galleria Borghese il 7 febbraio dove si brinderà Carpineto, individuato come uno dei vini preferiti dal mercato cinese”.a.to.

Tags: ,

Potrebbe interessarti