Eden e “il miglior risultato di sempre”

“Per fatturato ed Ebitda abbiamo registrato il miglior risultato di sempre”. Così esordisce Giuliano Gaiba, amministratore delegato e direttore generale di Eden Viaggi Spa, al timone della “nuova” società da un semestre. “Tutti i marchi hanno performato al meglio, con spinte forti sia per le vendite dei villaggi che del prodotto Margò – aggiunge -, andamento contrassegnato anche dalla ripartenza dell’Egitto che ci ha visto protagonisti, con un peso dell’area in questi ultimi mesi del 26% sulla capacità totale”.
Il 2019 si è aperto in modo altrettanto positivo, con un’impennata nei primi due mesi (novembre e dicembre) che ha fatto registrare incrementi a doppia cifra. Anche in termini di marginalità e di andamento degli ordini per il resto dell’anno Gaiba è soddisfatto. “L’estate si presenta molto in incremento rispetto all’anno scorso – commenta – e per quanto riguarda il fatturato supereremo il budget previsto inizialmente”. Dall’acquisizione, Eden sta ricevendo una forte spinta, “non soltanto perché il presidente Burgio ha una visione molto interessante del mercato – spiega il manager – ma anche perché la politica adottata dagli azionisti permette la salvaguardia delle nostre peculiarità. Insieme cerchiamo di trovare sinergie, anche se in una logica di competizione e i primi segnali ci dicono che la visione è adeguata al mercato”.
La nuova fisionomia aziendale esce dalla vecchia impostazione, secondo Gaiba, perché è il mercato ad essere cambiato e la revisione della formula village segue queste esigenze, come mostrano le formule dedicate ai giovani e ai più piccoli, l’uso dei social per la formula Jack, la partecipazione a concorsi innovativi. Per il primo anno di “annessione” al Gruppo Alpitour, l’obiettivo è mirare a sinergie di dimensione per portare a casa benefici, “ma è probabile che in futuro, per evitare sovrapposizioni, valuteremo la congruità dei prodotti nei singoli brand”.
Tra le mete che dovrebbero conseguire i migliori risultati nell’estate 2019, Gaiba elenca “Egitto, Africa, Oman, Grecia e Spagna. Per l’Italia (con il risveglio dell’Egitto in tanti temono un calo di interesse, ndr) speriamo che dica la propria, con una proposta forte sulle isole”.
La capacità di prodotto, intanto, segue l’andamento di mercato, senza caricare troppo il magazzino, con formule come Margò che dà la possibilità “di prendere il vento dove c’è”, ossia acquisire prodotto quando necessario.

Il prodotto
Premesso che non esiste un anno uguale all’altro, “e i rischi ci sono ovunque”, osserva il manager, “siamo pronti  a soluzioni nel caso ci fossero cambiamenti nella domanda. Ora stiamo cavalcando l’Egitto perché siamo leader da sempre sulla destinazione, ma altrettanto consci di operare su un territorio che potrebbe avere ancora problematiche”. Così l’azienda ha le sue alternative adeguate, “con un  ottimo portafoglio sul Mediterraneo”. La Tunisia non ha ancora beneficiato di particolari crescite, ma “quest’anno dovrebbe fare di più e dare marginalità come in passato”. Eden punta anche su nuove idee e strutture, in Vietnam o Myanmar, ad esempio, dove Alpitour si era aperto per primo, e che ora vede anche la controllata presente.
“Vogliamo andare in scia perché crediamo che in futuro saranno destinazioni vincenti”, dichiara Gaiba. Sul lungo raggio, poi, i Caraibi sono in ripresa, in particolare la Repubblica Dominicana e ci sono progetti interessanti legati ai singoli brand. Così come per Hotelplan: Vediamoci a… in periodi limitati, è un’iniziativa che ha “un forte appeal di vendite”. Anche Turisanda, come Hotelplan, cresce a doppia cifra e con il marketing l’azienda sta lavorando per un progetto collegato per i due brand.       
 

Tags: ,

Potrebbe interessarti