Il Tesoro in Alitalia? Tra il 15 e il 20%

L'incontro di ieri al Mef ha portato nuovi dettagli in merito alla quota che il Tesoro potrebbe detenere nel capitale di Alitalia. Secondo quanto si legge su fonti di stampa, potrebbe essere tra il 15 e il 20%, sul modello di Francia e Olanda per il Gruppo Air France-Klm.

Ieri si sono incontrati, infatti, i tecnici del Tesoro, i commissari straordinari di Az e Gianfranco Battisti, amministratore delegato di Ferrovie dello Stato.

I temi su cui dibattere non sono pochi, a partire dall'ingresso nella new company di Delta Air Lines e Easyjet. A quanto si legge, ora l’ipotesi è che il vettore americano arrivi al 20-25% della newco, mentre Easyjet al 15%. Il fronte inglese, però, rivendica maggiore autonomia e spinge sull'ipotesi spezzatino della compagnia italiana. Ipotesi che non è minimamente presa in considerazione da Fs.

Il quadro delle aziende partecipate dovrebbe quindi vedere Fs al 30%, Delta ed Easyjet al 40%, il Mef tra il 15-20%. Non si sa quali siano gli altri attori. Si parla di contatti in corso con Poste e indiscrezioni farebbero riferimento anche ad una ipotesi Fintecna, azienda del gruppo Cassa depositi e prestiti, che controlla Fincantieri.

Non ultimo, sul tavolo c'è anche il tema flotta, circa 100 aerei contro i 118 attuali e il tema dei 2mila esuberi

Tags: , , , , , , ,

Potrebbe interessarti