La Colombia incentiva gli investimenti

Si rafforza la posizione del mercato italiano quale bacino di flussi verso la Colombia. Nel 2018 i nostri connazionali sono stati 37.016, “una cifra che acquista rilevanza, posizionando l’Italia come sesto emittente di turisti europei in Colombia – afferma Pascual Martínez Munárriz, rappresentante Procolombia Italia -, e il primo senza un volo diretto”.

I prodotti più richiesti
Quali sono i prodotti più richiesti dagli italiani? Sono principalmente culturali, “come i nostri parchi archeologici di San Agustín e Tierradendro, a Huila, o città storiche come Villa de Leiva, Mompox e Barichara, o la cattedrale del sale di Zipaquirá – sottolinea Munárriz -, ma anche sole e spiaggia, come l'Arcipelago di San Andrés e Providencia, Cartagena, le Isole del Rosario, o Santa Marta. Senza dimenticare le grandi città come Bogotá”.
Parlando in termini generali, da qui al 2022, si prevede che il numero totale di visitatori stranieri in Colombia raggiungerà i 6 milioni. Nel 2018 sono arrivati 4.276.146 visitatori internazionali. I Paesi da cui proviene la maggior parte dei viaggiatori stranieri sono Stati Uniti, Brasile, Argentina, Messico, Ecuador e Perù.

La strategia di sviluppo
La strategia di sviluppo portata avanti dal governo seguirà un piano di investimenti a lungo termine, che interesserà ambiti quali tecnologia, promozione e infrastrutture turistiche. Inoltre, sono stati previsti “incentivi per attrarre investimenti stranieri nel settore delle infrastrutture e dei servizi, che prevedono la creazione di Zone speciali per il turismo, che, in aggiunta agli arrivi di catene alberghiere internazionali, concorrono a creare un ambiente appropriato per la crescita degli investimenti stranieri nel settore”. Un esempio è l'applicazione di un'aliquota ridotta del 9% per gli alberghi e le infrastrutture turistiche, come parchi tematici, in base alle caratteristiche della stessa e delle aree geografiche.     

Tags: ,

Potrebbe interessarti