Aviazione a confronto sul tema Brexit a Routes Europe 2019

Mentre sono ancora in pieno svolgimento le discussioni nel Governo inglese e nell’Unione europea a proposito della Brexit, un panel di esperti dell'aviazione si incontrerà ad Hannover, in Germania, in occasione di Routes Europe 2019 in programma dall’8 al 10 aprile per discutere la questione di fronte a molti dei rappresentanti del settore.

La Brexit potrebbe infatti avere gravi ripercussioni sul mercato del trasporto aereo, con conseguenti disagi sugli accordi di servizio, sulla sicurezza, sulla gestione delle frontiere e persino sulle tematiche ambientali. Le compagnie aeree e gli aeroporti hanno di recente sofferto di una mancanza di chiarezza riguardo le disposizioni future, con alcuni vettori come Ryanair e Wizz Air costretti a prevenire la confusione post-Brexit attraverso l’apertura di filiali con sede nel Regno Unito.

Routes Europe 2019 propone una serie di domande e dibattiti chiave su come la Brexit influenzerà il settore, su cosa dovrebbero fare i governi per garantire una sua stabilità e, soprattutto, su quello che sarà l'impatto sui piani dei network e sulla domanda turistica. Focus anche sul tema del possibile indebolimento dell’Unione europea per quanto riguarda la stipula di nuovi accordi sul trasporto aereo in caso di uscita del Regno Unito.

Alla tre giorni di Hannover saranno presenti le principali compagnie aeree – oltre cento tra cui Lufthansa, Ryanair, British Airways, easyJet, Air France, Wizz Air e Vueling -, gli aeroporti e le autorità turistiche della regione. Il panel dei relatori vedrà la partecipazione di Oliver Lackmann, amministratore delegato di Tui fly, Heiko Reitz, vice president network management e airport relations di  Eurowings, Bence Szabo, responsabile della rete easyJet e Wolfgang Reuss, Svp network management di airBaltic. Presenti anche due dei più grandi tour operator del mondo, Tui Group e Thomas Cook Airlines.

 

Tags:

Potrebbe interessarti