Alitalia-Di Maio: “Della torta manca un 15%”

Dovrebbe arrivare a breve il via libera ufficiale alla proroga chiesta dalle Fs per presentare un’offerta vincolante per Alitalia, a quanto scrive il Corriera della Sera. Ad intervenire sul tema è Luigi di Maio che porta un elemento di novita: "Ci sono Ferrovie dello Stato e c’è Delta, ci sarà il ministero dell’Economia. In base a quello che stiamo vedendo della torta manca un 15%", ha dichiarato il ministro dello Sviluppo, che ha aggiunto "questi sono i giorni in cui ci sono le trattative, i commissari stanno valutando, e le offerte stanno arrivando", ha detto durante la registrazione di Otto e mezzo su La7. A suo dire "non manca il 40%, assolutamente no. Si può arrivare anche al 15% in questo momento in base a quello che stiamo vedendo della torta. Ci sono tre soggetti, ne manca uno".

Come fa notare il quotidiano sembra essere un passo avanti, ma che comporta una ridefinizione delle quote. Finora lo schema prevedeva che le Fs avrebbero preso il 30% del capitale della newco, Delta il 15% e il Mef il 15%, se però manca solo un socio con il 15%, la ripartizione cambia. La fonte ipotizza che Delta possa aver dato la disponibilità ad aumentare la sua partecipazione. Dalla compagnia americana non arrivano commenti in merito e, dal canto suo Di Maio, non ha fornito elementi per dirimere i dubbi, si è limitato ad affermare che "ci sono tre soggetti, e ne manca uno". 

Ancora una volta si fa presente che l'anello mancante potrebbe essere Atlantia, che però sappiamo bene cosa ha ribadito ieri attraverso il suo a.d. Giovanni Castellucci che ha, infatti, dichiarato: "Abbiamo talmente tanti fronti aperti, che non possiamo permetterci di impegnarci su un fronte talmente complesso come è Alitalia". Il che voleva dire: "Non c’è nessuna novità, nulla è cambiato" rispetto a qualche settimana fa, salvo poi riaccendere l'attenzione quando alla domanda se fosse un no definitivo, il manager ha risposto: "Non posso dire di più". 

 

Tags: , , ,

Potrebbe interessarti