Turismo: Italia sempre più gettonata. “Corre” la Sicilia

Italia sempre più meta turistica secondo le ultime rilevazioni provvisorie sul 2018 di Istat, secondo cui gli esercizi ricettivi italiani hanno raggiunto oltre 428 milioni di presenze, confermando la tendenza positiva degli anni precedenti (circa +2% rispetto al 2017). È quanto si apprende nella relazione presentata da Roberto Monducci, direttore del dipartimento per la produzione statistica, nel corso dell'audizione alla X Commissione (Attività produttive, commercio e turismo) della Camera dei deputati.

Crescono soprattutto i flussi turistici stranieri con un +3,3% rispetto al 2017 in termini di arrivi, mentre le presenze segnano un +2,6%. In aumento anche la domanda domestica: arrivi a +1,9% e presenze che registrano un +1%. I clienti stranieri, con il 50,5% delle presenze totali, hanno superato quelli locali, confermando il risultato del 2017.

Le regioni con il maggior numero di presenze sono il Veneto (16,5% delle presenze complessive nel 2017), il Trentino Alto Adige (11,9%, con la Provincia autonoma di Bolzano al 7,7% e la Provincia autonoma di Trento al 4,2%). Seguono, Toscana (10,9%), Emilia-Romagna (9,5%) e Lombardia (9,4%).

Ma la regione che ha fatto segnare un vero e proprio exploit è stata la Sicilia, che ha registrato un +9,5% in termini di crescita delle presenze della clientela domestica, seguita dalla Basilicata con un +6,8%. La domanda dei turisti stranieri, invece, è aumentata soprattutto in Sardegna (+10,4%), Puglia e Calabria, entrambe con un +9,3%.

Il numero medio delle notti trascorse negli esercizi ricettivi da ogni cliente è di 3,39 notti, in flessione per quel che riguarda la clientela domestica (da 4,12 del 2005 a 3,32 del 2018) che quella straniera, 3,89 nel 2005 contro le 3,46 nel 2018.

Tags: , ,

Potrebbe interessarti