Guatemala City, il Catm parla italiano

Si inaugura oggi a Città del Guatemala la XII edizione di Catm, Centroamerica Travel Market, la fiera riservata agli operatori del settore che mette a confronto l’offerta dei Paesi del Centroamerica con una ottantina di operatori turistici provenienti da Italia, Germania, Spagna, Francia, Olanda, Regno Unito, Taiwan e Israele. La delegazione degli operatori turistici italiani è numericamente seconda soltanto alla Spagna. Segno evidente che la regione interessa il nostro mercato turistico, offrendo numerosi spunti per itinerari di scoperta – archeologia, cultura, città coloniali, etnie – vacanze mare (qui c’è la seconda barriera corallina più grande della Terra) ma anche turismo di nicchia, come quello legato al turismo attivo, Mice, viaggi di nozze.

Il comitato organizzatore di Catm 2019 è formato dall'Istituto del turismo guatemalteco (Inguat), dalla Camera del turismo del Guatemala (Camtur) e dalla Federazione delle camere del turismo dell'America centrale (Fedecatur), con la consulenza dell'Agenzia di promozione del turismo del Centroamerica (Cata). L’importanza di Catm come piattaforma ideale per creare business e rafforzare i rapporti esistenti – oltre a essere un’ottima occasione di confronto dell’industria turistica – aumenta in ogni edizione e contribuisce alla promozione a livello internazionale dell’offerta turistica della regione intesa come multidestinazione.

Obiettivo di Cata, infatti, è quello di promuovere l’istmo come multidestinazione, favorendo la creazione di pacchetti turistici che combinino più paesi tra loro. Il recente ingresso della Repubblica Dominicana in Cata consolida ulteriormente la posizione dell’Agenzia. L’isola caraibica sarà presente con diversi espositori per la prima volta a Catm.

Quattro anni fa, Cata ha avviato un processo di formazione e aggiornamento continuo per il settore del turismo centroamericano, puntando sull'innovazione e sull'applicazione delle tecnologie digitali come componenti essenziali per migliorare la capacità di gestione dell'industria turistica regionale, potenziare gli strumenti di marketing e creare offerte innovative multidestinazione destinate ai mercati di riferimento in Europa.

Questa fase di trasformazione tecnica per il settore, promossa da Cata, ha previsto workshop informativi e formativi in tutti i Paesi del Centroamerica, curati da professionisti di alto livello che hanno contribuito al successo di famose destinazioni turistiche internazionali passate da modelli di gestione tradizionale a uno più evoluto.

Cata, approfittando dell’imminenza di Catm, ha riunito il settore turistico regionale e organizzato la "II Conferenza sull'innovazione e il turismo: destinazioni intelligenti e big data". L'evento, che si è tenuto il 3 giugno al Centro Congressi del Parque de la Industria nella capitale del Guatemala, ha avuto come tema l'innovazione turistica in Europa e in Centroamerica.

"L'obiettivo di questa conferenza – ha spiegato Carolina Briones, segretario generale di Cata – ha è di dare continuità al processo di formazione promosso da Cata e rivolto agli imprenditori regionali sull'innovazione e sui progressi nel marketing digitale e su come questo sia applicabile nella gestione individuale delle aziende aumentando la loro capacità di promuovere e commercializzare la multidestinazione, nonché migliorare le loro competenze nell'interpretazione dei big data. Un processo che ci permetterà di anticipare le tendenze e le esigenze dei mercati e di essere più competitivi e più disposti verso l'innovazione delle nostre offerte e prodotti”.

 

Tags: , ,

Potrebbe interessarti